FISH LATINA

Logo Fish Latina Grande

La FISH Latina è composta da Enti del Terzo Settore che operano nel territorio provinciale e perseguono, già da molti anni, scopi fondati su valori di democrazia, reciprocità, gratuità, solidarietà, promozione e difesa dei diritti delle persone fragili e con disabilità.

Pagine in evidenza: Carta Servizi 2021 ASL Latina

La Federazione Italiana Superamento Handicap di Latina, nata nel 2015, ha da poco rinnovato i suoi organi sociali.  Del nuovo Consiglio Direttivo fanno parte:
• Maura Curati RETE SOLIDALE Presidente
• Bernardo Lanzillo A.N.F.F.A.S. Vice Presidente
• Catalda Biunda A.I.P.D. Consigliere
• Vincenzo Montanaro A.V.A.T.A.R Consigliere
• Carlo Carletti C.I.I.V.A. Consigliere
• Monia Magliocco LATINAUTISMO Consigliere
• Adelaide Da Cruz MONDO DISABILI FUTURE Segretario


La Federazione, che si fonda su un patto tra gli Enti di reciproco rispetto e condivisione, vuole costituire una risposta coordinata e programmata alle sfide che una società sempre più complessa pone ad ognuno degli attori sociali in campo. L’obiettivo è quello di dar vita ad un modello di welfare che, attraverso la reale partecipazione delle organizzazioni rappresentative ai processi decisionali, alla cooperazione, concertazione e programmazione, sia in grado di sostenere le persone con disabilità intercettandone i bisogni, anche inespressi, difendendo i loro diritti, soprattutto dando voce a quanti non hanno la capacità di auto rappresentarsi. Ancora oggi permangono molteplici problemi nell’applicazione della legislazione vigente e le persone con disabilità risultano le più fragili nel rivendicare l’esigibilità dei loro diritti.
E’ per questo che la FISH Latina intende sviluppare azioni nei confronti delle varie amministrazioni (sanitarie, sociali, educative sia locali che regionali) per richiedere che:
• la rete dei servizi di presa in carico, cura, riabilitazione in età evolutiva sia rafforzata (attualmente la rete pubblica rappresentata dai servizi di Tutela della Salute Mentale e Riabilitazione dell’Età Evolutiva è sottodimensionata);
• venga istituita una unità operativa socio-sanitaria per la presa in carico, cura e riabilitazione dei disabili adulti;
• siano omogeneizzate le procedure per l’accesso alle cure nei vari distretti socio-sanitari;
• le amministrazioni locali rendano possibile il diritto all’assistenza specialistica degli studenti con disabilità;
• Enti Locali e ASL rendano possibile, capillarmente, l’assistenza domiciliare integrata;
• la cosiddetta legge sul “dopo di noi” venga attuata attraverso un piano coordinato provinciale alfine di realizzare interventi continuativi che evitino il ricorso all’istituzionalizzazione delle persone con disabilità, quando le famiglie non possono garantire loro un adeguato sostegno;
• la rete dei centri diurni sia presente e ramificata in tutto il territorio provinciale;
• gli interventi per favorire la vita indipendente e la domiciliarità siano più estesi ed incisivi;
• sia superata l’eccessiva burocratizzazione delle amministrazioni e la carenza d’informazioni che rendono scarsamente fruibili i servizi.