Congresso FISH Lazio - contenuti

Congresso FL – contenuti

 

CONTENUTI, VIDEO, INTERVENTI

Lo scorso 8 marzo si e’ svolta l’assemblea annuale della FISH Lazio, presenti 22 associazioni, per oltre 60 delegati. Un risultato soddisfacente in termini di rappresentatività. Hanno aderito all’invito gli Assessori per le Politiche Sociali della Regione Lazio Rita Visini e quella di Roma Capitale Rita Cutini, nonché il presidente della commissione politiche sociali Erica Battaglia e per l’Assessorato al Lavoro della Regione Lazio la D.ssa Sabrina Asfoco. Gradita anche la presenza di Pietro Baribieri, presidente della FISH Nazionale e Portavoce del Forum del Terzo Settore.

RITA CUTINI – Assessore Politiche Sociali di Roma Capitale 

Rispetto ai contenuti il Presidente della Federazione Dino Barlaam ha illustrato le attività svolte.

L’anno 2013 ha rappresentato il primo esercizio di rilancio della FISH Lazio dopo un periodo di scarsa operosità legata alle spiacevoli circostanze che hanno portato al decesso del precedente presidente. Con l’assemblea di novembre 2012 è stato modificato lo Statuto ed sono stati eletti gli organi di gestione e controllo dell’organizzazione. L’attività iniziale ha riguardato il riordino interno della federazione, sia rispetto l’affidamento degli incarichi, sia delle procedure di avvicendamento, sia riguardo i rapporti con le organizzazioni federate. A tale proposito la presidenza ha incontrato diverse associazioni federate, con l’obiettivo di individuare le attese e condividere possibili percorsi da intraprendere.

Una delle prime azioni realizzate è stata quella di dotarsi di un sistema di comunicazione esterna, sia attraverso la realizzazione di un nuovo sito internet, accessibile, e più rispondente allo sviluppo tecnologico dello strumento. In tale direzione è stato predisposto anche uno spazio facebook della FISH Lazio. A sovraintendere l’attività di comunicazione è stato nominato un responsabile ufficio stampa.

Resta ancora centrale la presenza massiccia di organizzazioni provenienti da Roma e dalla sua provincia. Ciò dipende molto dalla difficoltà di spostamento e dalla capacità economica e di risorse umane che le organizzazioni delle persone disabili vivono. Sarà necessario in tal senso uno sforzo particolare da parte di FISH Lazio nel saper essere presente e costruire relazioni a distanza con i vari attori, per raggiungere l’obiettivo di maggior radicamento. In tale direzione sarà predisposto un piano di lavoro specifico per la fidelizzazione diffusa. Sul piano operativo la FISH Lazio ha intrapreso una serie di rapporti istituzionali con alcuni Assessorati della Regione Lazio. In modo specifico è stata avviato il confronto con l’Assessorato per le Politiche Sociali, al quale sono stati presentati gli emendamenti al testo della proposta di legge regionale sul welfare, allo stesso tempo è stato seguito un programma di finanziamento in favore della regione da parte del Ministero nell’ambito di un bando in materia di vita indipendente. Si sono sottoposte alcune osservazioni rispetto i criteri di riparto del fondo per la non autosufficienza.

Sempre in ambito regionale sono state avviati i colloqui con l’Assessorato per il lavoro, vedendoci impegnati sulla delibera regionale che disciplina i tirocini di lavoro, in base alla recente normativa in materia. In materia di lavoro abbiamo sollecitato l’avvio di un confronto sull’Atto di indirizzo e coordinamento in materia di assunzione delle persone disabili e l’elaborazione del piano operativo disabili.

Il rapporto con la regione ha visto impegnata la FISH Lazio anche in ambito fondi europei, attraverso la partecipazione alla fase preparatoria del P.O.R. 2014-2020, riguardo i temi di interesse per le persone disabili.

Sono iniziate le interlocuzioni anche con l’Ufficio Scolastico Regionale, rispetto al tema degli insegnanti di sostegno. A tale riguardo è prevista l’istituzione di un gruppo di lavoro inter-istituzionale cui la FISH è stata invitata.

La Federazione ha svolto un ruolo di supplenza, in attesa dell’avvio delle federazioni provinciali, nei rapporti a livello comunale con Roma Capitale, ribadendo ai competenti organi la necessità di serio riordino del sistema dei servizi in favore delle persone disabili. Allo stesso tempo è proseguita la partecipazione al tavolo di lavoro sulla mobilità istituito presso ATAC.

Erica Battaglia – Presidente Commissione Politiche Sociali Roma Capitale 

Sul fronte dei rapporti con altre organizzazioni, una parte rilevante del lavoro è stato svolto anche in collaborazione con la Consulta regionale per i diritti delle persone disabili. Specificamente in materia di compartecipazione alla spesa socio-sanitaria e residenzialità.

Sono stati consolidati i rapporti con le altre organizzazioni sociali, quali: la FAND regionale, il Centro Servizi per il Volontariato del Lazio, il Forum del Terzo settore del Lazio e Social Pride. Particolarmente proficua anche la collaborazione con i sindacati confederali dei lavoratori, con i quali su diversi aspetti si sono cercate convergenze.

Rispetto le attività del 2014 in coerenza con la mozione generale approvata nell’assemblea elettiva del 17/11/2012 la FISH Lazio pur consapevole della complessità della situazione ritiene possibile svolgere azioni che rendano più efficaci gli interventi in favore delle persone disabili e delle loro famiglie, sia sul piano dei servizi/benefici, che sul piano del riconoscimento del valore intrinseco della persona.

La FISH Lazio intende svolgere la propria attività dell’anno 2014 verso obiettivi che hanno una duplice direzione: 1) crescita della partecipazione, con relativa crescita della capacità di coesione intorno ai valori della FISH Lazio; 2) stimolo al miglioramento degli strumenti forniti dalla legislazione vigente:

Riguardo il primo elemento che caratterizza la vita stessa dell’organizzazione (centralità del ruolo della FISH Lazio mediante la sua articolazione a livello regionale, locale e all’interno delle istituzioni territoriali)

a) Realizzazione di un gruppo di lavoro, coordinato dal Consiglio Direttivo, che si occupi della disseminazione dei valori della FISH Lazio e promuova incontri con le organizzazioni dei vari territori provinciali;

b) Avvio di una fase di analisi per la realizzazione di FISH Provinciali;

c) Riconoscimento della FISH Lazio fra le organizzazioni rappresentative di livello regionale di cui alla L.R. n. 58/90

Riguardo il secondo asse di azioni (per il quale dovranno essere individuati delegati da impegnare alla loro realizzazione):

a) promuovere l’adozione di un osservatorio regionale sullo stato di attuazione della Convenzione ONU sui diritti delle persone disabili;

b) migliorare la proposta di legge regionale sul sistema integrato dei servizi sociali e socio-sanitari principalmente riguardo alla materia della compartecipazione alla spesa ed alle forme di inclusione sociale in materia di domiciliarità e di piccola residenzialità all’interno della comunità

c) stimolare uno sviluppo equilibrato in materia di integrazione socio-sanitaria, attraverso l’adozione di misure flessibili nell’organizzazione dei servizi, in rispetto del principio della personalizzazione dell’intervento

d) avviare un dibattito per la realizzazione dell’accordo di programma regionale in materia di inclusione scolastica regionale

e) ridefinizione dell’atto di indirizzo e coordinamento in materia di integrazione lavorativa delle persone disabili, nella direzione di maggiore incisività nelle assunzioni

 

SABRINA ASFOCO – Segreteria Assessore Lavoro Regione Lazio

 

 

 

Si ringrazia Angsa Lazio Onlus per aver fornito il materiale video.