Rodolfo Lena

Incontro con la Commissione Politiche Sociali

 

I TEMI DEL CONFRONTO

Con l’obiettivo di avviare un lavoro di confronto sui temi delle politiche sociali regionali anche con la competente commissione il presidente della FISH Lazio Dino Barlaam ha incontrato ieri l’On. Rodolfo Lena, Presidente della Commissione Politiche Sociali  della Regione Lazio . Diverse le tematiche affrontate, prima fra tutte  la Legge regionale sul Sistema integrato degli interventi e dei servizi sociali, in ordine alla quale sono state avviate le audizioni. Il presidente della FISH Lazio ha sottolineato al riguardo la necessità di approfondire alcuni punti di concerto con la Consulta regionale sulla disabilità. Altro tema centrale è stato quello concernente la futura applicazione del nuovo ISEE, nell’ambito del quale si è evidenziata la necessità di una disciplina regionale che determini con legge ad hoc il livello dei diritti di cittadinanza e sociali, con l’obiettivo di dotare il Lazio di una cornice di riferimento. La FISH Lazio ha poi riaffermato l’esigenza di veder garantito il diritto alla domiciliarità quale elemento caratterizzante dei diritti sociali in favore delle persone con disabilità e delle loro famiglie, nonché l’individuazione di una soglia di garanzia reddituale che consenta alle stesse di mantenere un reddito al netto della compartecipazione al di sopra della soglia di povertà relativa.

E’ stato affrontato anche il tema dei servizi residenziali, nell’ottica di una rivisitazione della L.R. 41/2003, che vada nella direzione di una progressiva demedicalizzazione dell’offerta, in favore dello sviluppo di strutture residenziali di tipo familiare da realizzare all’interno della comunità. Tutto ciò accompagnato dalla realizzazione di un piano regionale sulla residenzialità che preveda l’impiego di risorse pubbliche e private. Il Presidente Barlaam ha, inoltre, espresso disaccordo sul mancato coinvolgimento delle rappresentanze degli utenti nella commissione di definizione dei costi delle strutture socio-sanitarie.
Il confronto ha infine riguardato anche il tema dell’affidamento all’INPS della funzione di accertamento dell’invalidità. La Federazione ha espresso le proprie perplessità anche rispetto alla poca coerenza con la presa in carico integrata auspicata nella nuova legge regionale sul welfare. Sarebbe auspicabile la permanenza alle ASL della funzione con l’introduzione di un meccanismo di rotazione dei componenti delle commissioni che dovrebbero operare in ASL diverse da quella in cui lavorano normalmente.

A margine la FISH Lazio ha chiesto il riconoscimento del suo ruolo di organizzazione di importanza regionale, al pari delle altre organizzazioni maggiormente rappresentative delle persone con disabilità.